DETOURISM: L’ISOLA DI SAN LAZZARO DEGLI ARMENI A VENEZIA
Segnalazioni | Autore: Lo staff della Su e Zo

“Detourism: La newsletter di Venezia”, la newsletter dell’Ufficio Turismo del Comune di Venezia, oggi ci invita a scoprire l’isola di San Lazzaro degli Armeni! Buona lettura!

L’isola di San Lazzaro degli Armeni a Venezia.

Da oltre trecento anni l’isola di San Lazzaro degli Armeni è un angolo di Armenia nella laguna di Venezia. Qui si trova infatti un monastero che ospita una piccola comunità di monaci mechitaristi, ed è uno dei primi centri al mondo di cultura armena.

Originariamente sede dei benedettini di Sant’Ilario, dal XII secolo in poi l’isola fu scelta come luogo di quarantena per i lebbrosi e utilizzata come lazzaretto, da cui deriva appunto il nome San Lazzaro. Dopo un periodo di abbandono, nel 1717 l’isola veniva donata dalla Serenissima a Mechitar, fondatore dell’ordine mechitarista, in fuga dalle persecuzioni turche e rifugiato a Venezia insieme alla sua confraternita.

I monaci si dedicarono allo studio, trasformando l’isola in un centro di cultura e scienza, destinato a mantenere in vita la lingua, la letteratura e le tradizioni del popolo armeno. Oggi il monastero è aperto alle visite tutti i giorni, su prenotazione, per telefono 041 5260104 oppure via email visite@mechitar.org; ci si arriva salendo sul vaporetto della linea 20 dalla fermata San Marco-San Zaccaria.

Il vero “tesoro” dell’isola è la biblioteca, che conserva migliaia di antichi volumi e oltre quattromila fra manoscritti e codici miniati, considerata la più importante collezione di manoscritti armeni in Occidente.

All’interno del monastero si trovano anche, oltre alla stamperia di fine Settecento, una pinacoteca con opere di pittori armeni e un museo dove sono raccolti reperti archeologici di origine armena, greca, egiziana e indiana, tra cui la mummia egizia di Nemen Khet Amen, considerata una tra le meglio conservate al mondo, completa di sarcofago.

Scopri le isole della laguna di Venezia

[fonte: La newsletter di Venezia, N° 28/2020 del 30.07.2020]
[immagine: stepanianhasmik / Pixabay]


“Detourism: La newsletter di Venezia” è la newsletter redatta dall’Ufficio Turismo del Comune di Venezia che ogni due settimane viene inviata gratuitamente a centinaia di sottoscrittori e offre preziosi spunti di riflessione e approfondimenti sulla storia, l’arte e la cultura di Venezia.
Sul nostro sito web presentiamo solo alcuni assaggi della newsletter (tutti i post sono consultabili nella pagina archivio “Newsletter Detourism“), ma l’invito rivolto a tutti gli amici dell’associazione TGS Eurogroup e della Su e Zo per i Ponti è di iscriversi alla newsletter per riceverla direttamente nella propria casella email ogni quindici giorni.
Un ringraziamento particolare all’Assessorato al Turismo della città lagunare per aver accolto con entusiasmo questa nuova importante collaborazione tra TGS Eurogroup e l’Ufficio Turismo del Comune di Venezia e averci dato la preziosa opportunità di pubblicare sulle pagine di questo blog e del sito della Su e Zo per i Ponti alcuni estratti di questa newsletter, sia in italiano che in inglese.

Per ricevere la newsletter “Detourism” direttamente nella tua casella email ogni due settimane compila il modulo on line proposto dal Comune di Venezia.

Scopri tutti gli itinerari di #Detourism per esplorare una Venezia diversa, promossi dalla campagna di sensibilizzazione #EnjoyRespectVenezia della Città di Venezia. Adotta comportamenti consapevoli e rispettosi del patrimonio culturale e naturale di Venezia e della sua laguna, sito tutelato dall’UNESCO.

Servizio Turismo Sostenibile della Città di Venezia:
www.comune.venezia.it/it/EnjoyRespectVenezia
www.veneziaunica.it/it/content/detourism-venezia
turismosostenibile@comune.venezia.it
Facebook: @DetourismVeneziaOfficial
Instagram: @Detourismvenezia
Twitter: @DetourismVenice

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.