DETOURISM: BURANO E L’ARTE DEL MERLETTO
Segnalazioni | Autore: Lo staff della Su e Zo

“Detourism: La newsletter di Venezia”, la newsletter dell’Ufficio Turismo del Comune di Venezia, oggi ci invita a scoprire l’isola di Burano! Buona lettura!

I segreti dell’arte del merletto di Burano.

MERLETTI, PIZZI, TRINE: UNA DELLE MERAVIGLIE DELL’ARTIGIANATO VENEZIANO CHE PER SECOLI HA FATTO INNAMORARE RE E REGINE.

Burano è l’isola dei merletti, ancora oggi rigorosamente realizzati a mano solo con ago e filo, secondo regole e tecniche che le merlettaie si tramandano da generazioni. I primi merletti veneziani risalgono al Rinascimento: in origine questa raffinatissima lavorazione artigianale nasce come passatempo per nobildonne, per poi diffondersi rapidamente in tutta Europa. Nel Seicento, il secolo per eccellenza del merletto, gli spettacolari pizzi veneziani diventano simbolo di potere ed eleganza, e sono oggetto del desiderio anche del Re Sole, disposto a investire somme considerevoli per poterli indossare.

A custodire i segreti di quest’arte nobile e antica sono oggi le maestre merlettaie rimaste a Burano, riunite in un’associazione. Se si vuol vedere le merlettaie buranelle all’opera e magari cercare di capire come si ottiene il famoso Punto Venezia o il Punto Burano, oltre che negli atelier e nelle botteghe dell’isola, le si può incontrare spesso nel fine settimana al Museo del Merletto, intente al loro paziente lavoro. Il museo ha sede negli spazi della storica Scuola dei Merletti di Burano, fondata nel 1872 dalla Contessa Andriana Marcello, dama di compagnia della regina Margherita di Savoia.

Anche sull‘isola di Pellestrina è ancora viva la lavorazione dei merletti. Il merletto di Pellestrina, a differenza di quello ad ago di Burano, viene realizzato intrecciando i fili che sono avvolti su particolari rocchetti di legno, detti fuselli. Nei borghi dell’isola, sedute davanti alla porta di casa, le merlettaie pellestrinotte continuano a far risuonare i fuselli mentre li passano veloci tra le dita, dando saggio della loro antica arte.

L’arte del merletto veneziano, insieme agli altri merletti italiani, è candidata a Patrimonio culturale immateriale dell’UNESCO. La candidatura UNESCO si affianca a un altro riconoscimento che il merletto di Burano si appresta a ricevere: il marchio di Indicazione Geografica Protetta da parte dell’Unione europea.

Guarda il video delle merlettaie di Burano

[fonte: La newsletter di Venezia, n. 23 del 18.11.2021]
[immagine: jayneandd, CC BY 2.0, via Wikimedia Commons]


“Detourism: La newsletter di Venezia” è la newsletter redatta dall’Ufficio Turismo del Comune di Venezia che ogni due settimane viene inviata gratuitamente a centinaia di sottoscrittori e offre preziosi spunti di riflessione e approfondimenti sulla storia, l’arte e la cultura di Venezia.
Sul nostro sito web presentiamo solo alcuni assaggi della newsletter (tutti i post sono consultabili nella pagina archivio “Newsletter Detourism“), ma l’invito rivolto a tutti gli amici dell’associazione TGS Eurogroup e della Su e Zo per i Ponti è di iscriversi alla newsletter per riceverla direttamente nella propria casella email ogni quindici giorni.
Un ringraziamento particolare all’Assessorato al Turismo della città lagunare per aver accolto con entusiasmo questa nuova importante collaborazione tra TGS Eurogroup e l’Ufficio Turismo del Comune di Venezia e averci dato la preziosa opportunità di pubblicare sulle pagine di questo blog e del sito della Su e Zo per i Ponti alcuni estratti di questa newsletter, sia in italiano che in inglese.

Per ricevere la newsletter “Detourism” direttamente nella tua casella email ogni due settimane compila il modulo on line proposto dal Comune di Venezia.

Scopri tutti gli itinerari di #Detourism per esplorare una Venezia diversa, promossi dalla campagna di sensibilizzazione #EnjoyRespectVenezia della Città di Venezia. Adotta comportamenti consapevoli e rispettosi del patrimonio culturale e naturale di Venezia e della sua laguna, sito tutelato dall’UNESCO.

Servizio Turismo Sostenibile della Città di Venezia:
www.comune.venezia.it/it/EnjoyRespectVenezia
www.veneziaunica.it/it/content/detourism-venezia
turismosostenibile@comune.venezia.it
Facebook: @DetourismVeneziaOfficial
Instagram: @Detourismvenezia
Twitter: @DetourismVenice

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.