SU E ZO 2022: MEDAGLIE E TARGHE PER TUTTI!
Su e Zo per i Ponti | Autore: Lo staff della Su e Zo

“Il Campo e la Chiesa di S. Francesco della Vigna” di Giovanni Antonio Canal, detto il Canaletto

Mancano poco meno di 3 settimane alla Su e Zo per i Ponti di Venezia, in programma il prossimo 15 maggio 2022: è il momento buono per iscriversi! Molte sono le modalità per acquistare il cartellino d’iscrizione all’evento: dalle iscrizioni on line sul sito www.suezo.it (è possibile scegliere tra pagamento con bonifico bancario oppure PayPal) all’acquisto presso i punti vendita (elenco completo sul sito web), fino all’acquisto dell’ultimo minuto il giorno stesso della manifestazione, fatto salvo esaurimento dei cartellini disponibili.

A tutti i partecipanti alla Su e Zo sarà consegnata all’arrivo una medaglia da collezione eseguita dal M° Fausto Schirato e realizzata dalla ditta Dal Mas di Tarzo (TV).

Ma non è tutto… se decidete di venire in gruppo (perché si sa: in compagnia il divertimento raddoppia) anche i premi raddoppiano: a tutti i gruppi con minimo 50 partecipanti verrà consegnata una targa in ceramica. La targa è stata eseguita dal M° Lorenzino Schirato e realizzata dalla ditta Ceramiche Guidolin di Schiavon (VI). Se poi il gruppo risulta tra i più numerosi, c’è l’opportunità di vincere uno dei preziosi premi in vetro di Murano, espressione dell’arte vetraria veneziana.

Per celebrare gli 800 anni dell’arrivo di San Francesco d’Assisi a Venezia di ritorno da Gerusalemme (1220), la Targa e la Medaglia della Su e Zo per i Ponti di Venezia 2022 raffigurano la chiesa di San Francesco della Vigna, nel sestiere di Castello, costruita su disegno di Jacopo Sansovino e completata da Andrea Palladio. Così Francesco Zanotto descrive la facciata della chiesa nella sua “Nuovissima Guida di Venezia e delle Isole della sua Laguna” (Venezia, 1856):

“Architettata da Andrea Palladio 1562 per commissione di Gio. Grimani patriarca di Aquileia. D’ordine corintio, è costituita da un imbasamento, su cui si elevano quattro colonne, reggenti il sopraornato col suo frontispizio. Nell’intercolunnio centrale si apre la porta ad arco, con superiore finestra; e nei due laterali vi sono due nicchie, che accolgono i simulacri, in bronzo, di Mosè e di San Paolo fusi da Tiziano Aspetti. Ricorre fra mezzo gli intercolunni sopra la porta e sopra le nicchie, il sopraornato di un altro ordine minore, corintio anch’esso, che serve alle due ale, ed alla porta predetta; introdotte vi esse ale, affine di coprire i fianchi delle cappelle sui due lati della chiesa”.

La Targa riproduce il quadro “Il Campo e la Chiesa di S. Francesco della Vigna” di Giovanni Antonio Canal, detto il Canaletto, mentre la Medaglia riproduce la facciata palladiana della chiesa da un disegno di Ottavio Scamozzi.

E allora cosa resta da dire… attendere i prossimi i post per ulteriori dettagli sulla marcia e segnare sull’agenda: 15 maggio 2022, “Su  e Zo per i Ponti”, appuntamento a Venezia!

Lo Staff della Su e Zo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.