DETOURISM: I BORGHI DI PELLESTRINA A VENEZIA
Segnalazioni | Autore: Lo staff della Su e Zo

La Su e Zo per i Ponti di Venezia vi ricorda che sono aperte le iscrizioni ai “Su e Zo Detour” di domenica 21 novembre! Prenota subito alla pagina Prenotazioni!
In attesa di ritrovarci a Venezia, torniamo a sfogliare le pagine di “Detourism: La newsletter di Venezia”, la newsletter dell’Ufficio Turismo del Comune di Venezia. Oggi parliamo di una Venezia insolita, andando a scoprire i borghi dell’isola di Pellestrina! Buona lettura!

I borghi dell’isola di Pellestrina

Case variopinte, piccoli orti e giardini, un paio di ristorantini dove assaggiare la verace cucina lagunare, spiagge sabbiose, un tranquillo lungomare per le passeggiate e quaranta ettari di riserva naturale protetta: questa è l’isola di Pellestrina, sottile striscia di litorale sospesa per una decina di chilometri fra mare Adriatico e laguna.

L’isola si gira a piedi, in autobus o bicicletta: è impossibile perdersi, basta seguire la strada che costeggia i Murazzi, poderosi muri d’argine in pietra d’Istria, una delle più imponenti difese a mare erette nel Settecento dalla Serenissima per fronteggiare le mareggiate. La storia dei Murazzi e dell’alluvione del 1966 è raccontata nel piccolo Museo della Laguna Sud, ospitato nel caratteristico borgo di San Pietro in Volta, fra i più antichi insediamenti di questo angolo di laguna.

Proseguendo verso sud s’incontra Portosecco, la cui festa patronale, il 15 agosto, è uno degli  appuntamenti più attesi dagli isolani. L’abitato di Pellestrina, ancora più a sud, è diviso in quattro sestieri: Scarpa, Zennari, Vianelli e Busetti. Prendono il nome dalle famiglie inviate verso la fine del Trecento dal podestà di Chioggia a ripopolare l’isola, devastata dai Genovesi nella guerra contro Venezia. Lì dove oggi sorge il Santuario della Madonna dell’Apparizione, il 4 agosto di ogni anno si ricorda l’apparizione della Madonna con una grande festa popolare.

Passeggiando nei borghi dell’isola, non è raro incontrare le merlettaie che intrecciano i fuselli, un’antica tecnica di merletto tipica di Pellestrina: si realizza intrecciando fili di cotone che si svolgono da particolari rocchetti, detti fuselli, sopra un cuscino cilindrico chiamato tombolo.

L’isola di Pellestrina è il regno della cucina di mare e di laguna. Tra le delizie della cucina locale, da assaggiare i tipici bossolà, anelli di pane croccante, e il tradizionale pasticcio di pesce.

Scopri Pellestrina

[fonte: La newsletter di Venezia, N° 08/2021 del 15.04.2021]

[immagine: Enzo Mologni / Unsplash]


“Detourism: La newsletter di Venezia” è la newsletter redatta dall’Ufficio Turismo del Comune di Venezia che ogni due settimane viene inviata gratuitamente a centinaia di sottoscrittori e offre preziosi spunti di riflessione e approfondimenti sulla storia, l’arte e la cultura di Venezia.
Sul nostro sito web presentiamo solo alcuni assaggi della newsletter (tutti i post sono consultabili nella pagina archivio “Newsletter Detourism“), ma l’invito rivolto a tutti gli amici dell’associazione TGS Eurogroup e della Su e Zo per i Ponti è di iscriversi alla newsletter per riceverla direttamente nella propria casella email ogni quindici giorni.
Un ringraziamento particolare all’Assessorato al Turismo della città lagunare per aver accolto con entusiasmo questa nuova importante collaborazione tra TGS Eurogroup e l’Ufficio Turismo del Comune di Venezia e averci dato la preziosa opportunità di pubblicare sulle pagine di questo blog e del sito della Su e Zo per i Ponti alcuni estratti di questa newsletter, sia in italiano che in inglese.

Per ricevere la newsletter “Detourism” direttamente nella tua casella email ogni due settimane compila il modulo on line proposto dal Comune di Venezia.

Scopri tutti gli itinerari di #Detourism per esplorare una Venezia diversa, promossi dalla campagna di sensibilizzazione #EnjoyRespectVenezia della Città di Venezia. Adotta comportamenti consapevoli e rispettosi del patrimonio culturale e naturale di Venezia e della sua laguna, sito tutelato dall’UNESCO.

Servizio Turismo Sostenibile della Città di Venezia:
www.comune.venezia.it/it/EnjoyRespectVenezia
www.veneziaunica.it/it/content/detourism-venezia
turismosostenibile@comune.venezia.it
Facebook: @DetourismVeneziaOfficial
Instagram: @Detourismvenezia
Twitter: @DetourismVenice

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.