DETOURISM: L’ISOLA DI S. ERASMO
Segnalazioni | Autore: Lo staff della Su e Zo

“Detourism: La newsletter di Venezia”, la newsletter dell’Ufficio Turismo del Comune di Venezia, oggi ci invita a scoprire l’isola di S. Erasmo! Buona lettura!

S. Erasmo, l’orto di Venezia.

Venezia è circondata da un arcipelago di piccole isole, tutte da esplorare. L’isola di Sant’Erasmo, una delle più grandi, è l’unica isola della Laguna nord dove è possibile andare in bicicletta. È una vera e propria isola-giardino, quattro chilometri di orti e vigne, prati e sentieri sterrati, e anche una piccola spiaggia. Ecco un itinerario consigliato per una bella passeggiata a stretto contatto con la natura.

Dal Medioevo, Sant’Erasmo è conosciuta come l’Orto di Venezia. Qui c’è un terreno particolare, ricco di argilla e sabbia, dove crescono varietà di frutta e verdura dal sapore unico. Dai campi di Sant’Erasmo arrivano sulle tavole di tutta Venezia i deliziosi Carciofi violetti di Sant’Erasmo, una varietà locale riconosciuta presidio SlowFood e tutelata da un Consorzio. L’isola è famosa anche per la bontà di cardi e asparagi e non ultimo per le sue vigne. Negli antichi vigneti di Sant’Erasmo, oggi recuperati, si coltiva l’uva Dorona, vitigno autoctono. Le numerose aziende agricole dell’isola permettono di degustare e acquistare il vino locale, oltre a tutti gli altri prodotti del territorio.

Il miglior modo per visitare Sant’Erasmo è la bicicletta, che si può noleggiare sul posto. L’isola è attraversata da percorsi ciclopedonali adatti a tutti. Si presta anche per le escursioni sportive e naturalistiche, in kayak o in barca.

Da vedere la Torre Massimiliana, fortezza ottocentesca che prese il nome dell’arciduca Massimiliano d’Austria, il quale vi trovò rifugio durante i moti popolari del 1848. La torre, recentemente restaurata, ospita occasionalmente esposizioni d’arte ed eventi. Nella piazza principale, la Chiesa dedicata a Cristo re custodisce una tela del Tintoretto, il Martirio di Sant’Erasmo.

Sant’Erasmo si raggiunge con la linea 13 dei vaporetti ACTV, in partenza da Venezia (Fondamente Nuove) o da Cavallino Treporti. Consulta gli orari e la mappa delle linee di navigazione ACTV.

Mappa della Laguna di Venezia

[fonte: La newsletter di Venezia, N° 14/2020 del 30.04.2020]
[immagine: Didier Descouens / Wikimedia Commons]


“Detourism: La newsletter di Venezia” è la newsletter redatta dall’Ufficio Turismo del Comune di Venezia che ogni due settimane viene inviata gratuitamente a centinaia di sottoscrittori e offre preziosi spunti di riflessione e approfondimenti sulla storia, l’arte e la cultura di Venezia.
Sul nostro sito web presentiamo solo alcuni assaggi della newsletter (tutti i post sono consultabili nella pagina archivio “Newsletter Detourism“), ma l’invito rivolto a tutti gli amici dell’associazione TGS Eurogroup e della Su e Zo per i Ponti è di iscriversi alla newsletter per riceverla direttamente nella propria casella email ogni quindici giorni.
Un ringraziamento particolare all’Assessorato al Turismo della città lagunare per aver accolto con entusiasmo questa nuova importante collaborazione tra TGS Eurogroup e l’Ufficio Turismo del Comune di Venezia e averci dato la preziosa opportunità di pubblicare sulle pagine di questo blog e del sito della Su e Zo per i Ponti alcuni estratti di questa newsletter, sia in italiano che in inglese.

Per ricevere la newsletter “Detourism” direttamente nella tua casella email ogni due settimane compila il modulo on line proposto dal Comune di Venezia.

Scopri tutti gli itinerari di #Detourism per esplorare una Venezia diversa, promossi dalla campagna di sensibilizzazione #EnjoyRespectVenezia della Città di Venezia. Adotta comportamenti consapevoli e rispettosi del patrimonio culturale e naturale di Venezia e della sua laguna, sito tutelato dall’UNESCO.

Servizio Turismo Sostenibile della Città di Venezia:
www.comune.venezia.it/it/EnjoyRespectVenezia
www.veneziaunica.it/it/content/detourism-venezia
turismosostenibile@comune.venezia.it
Facebook: @DetourismVeneziaOfficial
Instagram: @Detourismvenezia
Twitter: @DetourismVenice

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.