DETOURISM: L’ISOLA DELLE VIGNOLE A VENEZIA
Segnalazioni | Autore: Lo staff della Su e Zo

“Detourism: La newsletter di Venezia”, la newsletter dell’Ufficio Turismo del Comune di Venezia, oggi ci offre un “detour” in laguna per andare a scoprire l’isola delle Vignole! Buona lettura!

Un’oasi verde nella laguna: l’isola delle Vignole.

Chi ha detto che Venezia non ha verde? Sono tanti gli orti, le vigne e i frutteti presenti nelle isole della laguna, tra cui spicca sicuramente l’Isola delle Vignole, una vera e propria oasi naturale situata nella laguna nord-orientale, tra Sant’Erasmo e la Certosa, facilmente raggiungibile con la linea 13 del servizio dei trasporti pubblici ACTV.

Le Vignole dall’antichità ad oggi

L’isola delle Vignole era popolata già in epoca romana. A quel tempo, la lambivano le acque del mare Adriatico perché ancora Punta Sabbioni non esisteva, ed era luogo prediletto di villeggiatura dei nobili di Altino. Il poeta latino Marziale poteva addirittura affermare che la magnificenza delle residenze era persino superiore a quella di Pozzuoli.

Molti secoli dopo (nel XVI secolo), le Vignole venne utilizzata dalla Serenissima come avamposto difensivo contro i turchi, congiuntamente all’isola di Sant’Andrea dove fu edificato un forte. Oltre al Forte cinquecentesco di Sant’Andrea, di interesse storico-artistico vi è anche la chiesetta cinquecentesca, intitolata a Santa Maria Assunta e Santa Eurosia, affacciata al canale interno e affiancata da un piccolo campanile, forse l’unica del suo genere ancora ben conservata fra le tante – ormai scomparse – che si trovavano nelle isole della laguna.

Oggi vivono alle Vignole una sessantina di abitanti, da sempre legati alla terra. Dagli orti dell’isola infatti un tempo provenivano le verdure del mercato di Rialto, trasportate ogni giorno su grandi barche a remi. Ma oltre alle carciofaie, l’isola è molto amata dai veneziani, che sono soliti frequentare le Vignole per le gite domenicali o per pranzare in una delle sue caratteristiche trattorie con pergolato e giardino.

Scopri le isole della laguna di Venezia

[fonte: La newsletter di Venezia, N° 27/2020 del 23.07.2020]
[immagine: Unofeld781 / Wikimedia Commons]


“Detourism: La newsletter di Venezia” è la newsletter redatta dall’Ufficio Turismo del Comune di Venezia che ogni due settimane viene inviata gratuitamente a centinaia di sottoscrittori e offre preziosi spunti di riflessione e approfondimenti sulla storia, l’arte e la cultura di Venezia.
Sul nostro sito web presentiamo solo alcuni assaggi della newsletter (tutti i post sono consultabili nella pagina archivio “Newsletter Detourism“), ma l’invito rivolto a tutti gli amici dell’associazione TGS Eurogroup e della Su e Zo per i Ponti è di iscriversi alla newsletter per riceverla direttamente nella propria casella email ogni quindici giorni.
Un ringraziamento particolare all’Assessorato al Turismo della città lagunare per aver accolto con entusiasmo questa nuova importante collaborazione tra TGS Eurogroup e l’Ufficio Turismo del Comune di Venezia e averci dato la preziosa opportunità di pubblicare sulle pagine di questo blog e del sito della Su e Zo per i Ponti alcuni estratti di questa newsletter, sia in italiano che in inglese.

Per ricevere la newsletter “Detourism” direttamente nella tua casella email ogni due settimane compila il modulo on line proposto dal Comune di Venezia.

Scopri tutti gli itinerari di #Detourism per esplorare una Venezia diversa, promossi dalla campagna di sensibilizzazione #EnjoyRespectVenezia della Città di Venezia. Adotta comportamenti consapevoli e rispettosi del patrimonio culturale e naturale di Venezia e della sua laguna, sito tutelato dall’UNESCO.

Servizio Turismo Sostenibile della Città di Venezia:
www.comune.venezia.it/it/EnjoyRespectVenezia
www.veneziaunica.it/it/content/detourism-venezia
turismosostenibile@comune.venezia.it
Facebook: @DetourismVeneziaOfficial
Instagram: @Detourismvenezia
Twitter: @DetourismVenice

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.